Progetto lingua inglese nella scuola dell’infanzia

Progetto lingua inglese nella scuola dell'infanzia

Il nostro progetto di lingua inglese “English all around me” è affidato all’insegnante di lingua straniera (LS) ed è rivolto ai bambini della Scuola dell’Infanzia dai 2 ai 5 anni . Il programma prevede dalle 2 alle 4 ore di inglese settimanali per classe, man mano  crescenti in relazione alla fascia d’età.

Teaching approach: il metodo di insegnamento

Ci avvaliamo di una didattica comunicativa e ludica che privilegia l’apprendimento attraverso il gioco, il fare, il coinvolgimento emotivo e la scoperta. Per cui i bambini sperimentano la lingua straniera attraverso l’interazione.  Poniamo un’importanza particolare alla Scuola dell’Infanzia dal momento che quest’ultima rappresenta il trampolino per l’apprendimento futuro della lingua inglese.

L’insegnamento di una seconda lingua, in particolare della lingua inglese, in età prescolare, quando le connessioni neurologiche del bambino sono in formazione, favorisce lo sviluppo generale del bambino, il suo potenziale affettivo, sociale e cognitivo, abituandolo al pensiero flessibile.

Data la diffusione nel mondo, consente inoltre di promuovere atteggiamenti sociali più positivi, risolvere svantaggi socio-linguistici, fornire una maggiore consapevolezza della lingua materna, rafforzare l’accoglienza di altre culture, promuovere una crescita personale e in ultimo, ma non certamente per ordine d’importanza, risponde alla necessità di formare i futuri adulti il prima possibile, in modo da prepararli ad affrontare al meglio tutte le sfide di tipo scolastico e lavorativo che incontreranno nel proprio percorso di vita. La neurolinguistica insegna che non essendosi ancora ben radicati nel bambino i suoni per i più piccoli e i significati per i più grandi della lingua madre, c’è più facilità a riprodurre fonie diverse.

La lingua obiettivo (TL Target Language), vale a dire la lingua che si sta apprendendo, non deve essere però una materia da presentare in sé, ma uno strumento di comunicazione per svolgere altre attività. Essa deve far parte di un programma educativo più ampio e deve essere acquisita spontaneamente. Essendo il gioco un mezzo naturale di apprendimento del bambino, la TL deve essere integrata nel contesto ludico e deve avere dei riferimenti concreti e significativi, legati ad esperienze in contesti realistici.

“English all around me” è un modo semplice e divertente di insegnare inglese basato sul metodo TPR (Total Physical Response) in cui l’apprendimento viene veicolato e facilitato attraverso la gestualità corporea e l’imitazione.

Durante le lezioni l’insegnante usa prevalentemente la lingua inglese, anche quando risponde alle domande che gli alunni pongono in italiano, alternandola alla lingua madre tramite un’operazione detta “code switching” (passare in maniera naturale da una lingua all’altra).

Integrano il progetto momenti di routine settimanale:

  • Goodmorning (benvenuto degli alunni);
  • English snack time (ora della merenda: “open your schoolbag”, “do you like…?”);
  • English lunch time (ora del pranzo: “enjoy your meal”, “I’d like a glass of water/juice”, “I’m hungry/thirsty”, “I’d like some bread”…);
  • Goodbye (l’insegnante o un nostro compagno va via); momenti di vita quotidiana che il bambino vivrà con l’insegnante di inglese.

Di seguito sono elencati i macroargomenti trattati per ciascuna classe:

Beginners – classe 3 anni

Le parti del viso; saluto; Numeri; Animali; Stati d’animo; Tradizioni anglosassoni; Famiglia; Azioni; Colori.

L’insegnamento della lingua inglese si concentra su attività di ascolto di canzoncine, ballo, mimo, drammatizzazione, visione di cartoni in lingua. Al termine del corso di lingua inglese il bambino di tre anni sarà in grado di salutare, riconoscere ed eseguire diverse azioni, nominare e indicare le parti del viso, mimare alcuni stati d’animo, nominare e riconoscere i colori, contare da 1 a 10, indicare i componenti della famiglia, nominare ed indicare gli animaletti, riconoscere alcuni personaggi chiave delle filastrocche cantate in classe, riconoscere i personaggi di alcune festività. Sarà in grado di esprimersi in inglese con semplici interazioni.

Runners – classe 4 anni

Azioni; Saluto; Famiglia; Colori; Numeri; Parlo di me; Il corpo; Tradizioni; Animali; Cibo; Forme; Abbigliamento; Tempo atmosferico.

Le attività di canto, ballo, e ascolto di canzoncine saranno affiancate da attività di verifica mediante schede didattiche che mirano al consolidamento del lessico acquisito e ad un miglioramento dell’attività di ascolto e riconoscimento dei suoni inglesi. Il progetto inoltre si propone di fornire al bambino conoscenze sugli usi e costumi inglesi attraverso la scoperta di alcuni dei più famosi monumenti della capitale britannica, della Famiglia Reale, della musica che ne ha segnato la storia, della storia della bandiera e così via.

Al termine dell’anno scolastico il bambino sarà in grado di riconoscere ed eseguire diverse azioni, indicare le parti del corpo, i diversi stati d’animo, indicare, nominare e riconoscere i colori, contare da 1 a 20, indicare i componenti della famiglia, nominare gli animaletti, parlare dei propri gusti su alcuni cibi e bevande, nominare alcuni indumenti, riconoscere personaggi chiave di alcune festività.

Little Speakers – Classe 5 anni

Numeri e grandi numeri; Oggetti di scuola; Routine quotidiana; Giorni della settimana; Mesi dell’anno; Stanze della casa e oggetti al loro interno; Tradizioni; Abbigliamento; Animali; Cibo. Consolidamento degli argomenti appresi nei precedenti anni.

Il bambino ha maggiore consapevolezza del proprio linguaggio ed inizia a ragionare sulla sua struttura. Consoliderà la conoscenza di usi e costumi anglosassoni e scoprirà affinità e differenze tra Inghilterra e Stati Uniti d’America.

Al termine del corso di inglese il bambino di 5 anni saprà:

Riconoscere ed eseguire azioni quali: I can dance, I can sing, I wake up, I go to school, I wash my face, I brush my teeth ecc. nominare e descrivere gli indumenti che indossa, parlare degli stati d’animo: sleepy, hungry, thirsty, angry, happy, contare da 1 a 30, nominare i cibi e riferire ciò che piace o non piace, parlare del tempo atmosferico, descrivere gli animali e i giocattoli che gli piacciono; interagire in giochi di ruolo con i compagni.

Riconoscere alcuni simboli e tradizioni legate al Regno Unito: the Union Jack, the Big Ben,  London Bridge, Tea time, Queen Elizabeth and the Royal Family, River Thames, London Bus, Phone Booth, saper descrivere le festività utilizzando le parole chiave in lingua straniera. Le attività di canto, ballo e ascolto di canzoncine saranno integrate da attività di listening, speaking, colouring e cutting attraverso l’utilizzo di flashcards e books ad hoc.

Coolture: that’s amore!

Partendo dalla propria identità culturale, il progetto si propone di far scoprire e far vivere ai bambini alcune tradizioni e festività in stile British.

Nel corso dell’anno diversi saranno gli spunti per avvicinarci alla cultura straniera.

Festeggeremo Halloween alla maniera inglese con l’uscita nel quartiere per il “Trick or treat”; giocheremo al Christmas Bingo a Natale prepareremo ottimi Gingerbread Men e Candy Canes e ci divertiremo a “far scoppiare” i Christmas Crackers. A Carnevale prepareremo i Pancake e giocheremo alla Pancake race. Pasqua sarà per noi anche la Easter egg hunt (caccia all’uovo) nel Parco del Poggio e a scuola.

Scopriremo che in Inghilterra c’è la regina Queen Elizabeth e conosceremo i personaggi più rappresentativi della Royal family inglese. Gusteremo il “vero thé inglese” e parleremo al telefono con la Regina. Conosceremo alcuni tra i più famosi cantanti inglesi che hanno segnato la storia della musica (es. Beatles), ballando a tempo di musica. Nell’ottica di un insegnamento anche culturale, degli usi e costumi della lingua straniera, l’Istituto prevede l’approfondimento e la celebrazione delle seguenti festività: Halloween; Christmas; Father’s Day;   Easter;  Mother’s Day.

Teaching material: il materiale didattico

  • Flashcards;
  • puppets;
  • canzoni e filmati ad hoc;
  • illustrazioni, fotografie, libri con immagini, cartelloni;
  • giochi didattici.

Inoltre tutti gli eventuali materiali strutturati che offrono l’opportunità ai bambini di acquisire la lingua in modo piacevole e stimolante.

A story for me!

Nel corso dell’anno scolastico alcune ore nella settimana saranno dedicate ad attività di lettura e drammatizzazione in lingua. Le attività di lettura si alterneranno a quelle di messa in scena delle azioni della storia e rappresentazioni grafiche, in modo da favorire la partecipazione attiva di tutti i bambini e fare pratica della lingua straniera. Il progetto ha infatti lo scopo di migliorare la capacità di ascolto e di pronuncia dell’inglese. Gli strumenti didattici adottati saranno diversi a seconda dell’attività svolta: utilizzeremo flashcards, libri di lettura, canzoni, colori, cartoncini colorati, puppets ecc.

Verifica e monitoraggio degli alunni

La verifica da parte dell’insegnante si muove attraverso due azioni:

  • osservazione diretta in classe di ogni alunno;
  • somministrazione di prove costruite ad hoc a fine di ogni percorso didattico;
  • Play and act (giochiamo ad eseguire il comando-brevi interazioni).

L’azione congiunta di queste modalità di verifica consentono all’insegnante di avere un quadro completo del profilo di ogni studente.